Salta navigazione.
Home

Giovedì 9/02/17 ore 18.30 ANADOLU EFES ISTANBUL vs EA7 ARMANI MILANO radiocronaca in esclusiva su Radio Hinterland

ascolta la diretta REAL MADRID vs EA7 EMPORIO ARMANI a partire dalle 18.30 Radiocronaca di Matteo Cipriani e Jacopo Di Pietro regia di Matteo Cipriani

a vittoria nel derby di Varese è stato un buon viatico per il match che questo pomeriggio alle 18.30 i milanesi affronteranno in Eurolega all'Abdi Ipecki di Istanbul contro l'Efes in una sfida dal valore altissimo per la classifica. Come se fosse una finale per l'Olimpia, tanto quanto quella di settimana scorsa contro il Darussafaka visto che adesso proprio le due formazioni della città sul Bosforo sono appaiate in quell'ottavo posto che rimane la chimera dell'Olimpia. Rientrerà Simon, lasciato a riposo precauzionale proprio a Varese per un problemino alla schiena: «Tante volte abbiamo giocato gare punto a punto in trasferta, ma abbiamo spesso perso. Sarà durissima, l'Efes è molto cresciuto dalla gara di andata, siamo due squadre migliorate negli ultimi tempi e noi andiamo a Istanbul con tutte le intenzioni di fare il colpaccio. E' passato davvero troppo tempo dalla nostra unica vittoria esterna». Curiosamente fu proprio ad Istanbul, di 1 punto contro il Darussafaka. La bella notizia per i biancorossi è il nuovo slancio che ha avuto Zoran Dragic, finalmente ritornato intraprendente dopo qualche settimana un po' troppo scialba, mentre Pascolo sta diventando sempre più una certezza. «Stiamo giocando molto meglio di un mese fa, peccato non avere una o due vittorie in più - si rammarica un po' coach Jasmin Repesa - ma ci sono tante partite da giocare e bisogna affrontarle nel modo giusto e provare a fare il massimo. Siamo consapevoli che per noi ogni partita è importante». Con l'ultimo successo esterno la squadra di coach Velimir Perasovic ha ricostruito ' le sue ambizioni. La tradizione milanese è negativa sul campo dell'Efes visto che non ha mai vinto in 11 gare, ma un successo, bissando quello dell'andata arrivato per 105-92 sarebbe davvero fondamentale. Sandro Pugliese da "Il Giorno"