Salta navigazione.
Home

Sei d'accordo con la "Riforma" della scuola della Ministra Gelmini

quello che la ministra tenta

quello che la ministra tenta di spacciare come la riforma della scuola è una mannaia al diritto all'istruzione. Quando parla di mistificazioni da parte delle opposizioni dovrebbe leggere il decreto che ha proposto al Parlamento. Quando parla sembra proprio che non conosca il suo contenuto. Per chi sa leggere e ha capacità di intendere il contenuto è chiarissimo.
Beppe

in italia nessuna riforma

in italia nessuna riforma sembra possibile, qui come spesso accade il "nodo" è politico.Vedi iprecedenti ministri dell'istruzione...

la riforma della scuola,

la riforma della scuola, modificata dal ministro Gelmini, e contestata perchè,ha introdotto il maestro unico.

La riforma è contestata

La riforma è contestata perchè non è una riforma. L'introduzione del maestro unico non risponde a necessità pedagogiche o di insegnamento, ma solo a tagliare posti di lavoro e fare economie. in europa il modello di scuola delle nostre elementari è indicato come uno dei migliori!!

sono daccordo con la riforma

sono daccordo con la riforma perchè sono cresciuto con un solo maestro

credo che lei non abbia

credo che lei non abbia letto bene il decreto del ministro. Il tempo pieno, che attualmete esiste, viene praticamente abolito e sarà possibile attuarlo solo se ci saranno insegnanti sufficienti, ma ahimè il decreto dà un robusto taglio ai maestri. Problemino: come si può attuare il tempo pieno senza maestri visto che il dereto li riduce in modo drastico?? I genitori sono pregati di preparasri a pagare una scuola privata che accolga i propri figli per il post orario!!!

sono d'accordo con la

sono d'accordo con la riforma, anche perchè come dice la gelmini ci saranno più insegnanti da inserire nel tempo pieno.
E basta creare casi su cose dove non si ha la giusta informazione.
Si crea solo allarmismo inutile!!!!

sono cresciuta con il

sono cresciuta con il maestro unico.

per quelle che sono le mie

per quelle che sono le mie relative conoscenze di detta riforma, sono d'accordo in linea di massa sulla riforma gelmini, sono pure d'accordo su classi specifiche per gli stranieri in ordine alla conoscenza della nostra lingua e alla nostra coltura.

Consiglio vivamente di

Consiglio vivamente di leggere il decreto 133/08 forse sarebbe meno concorde con il ministro. Se si vuole fare reale integrazione le classi specifiche non aiutano nè alla conoscenza della nostra lingua (bambini stranieri che stanno insieme a bambini stranieri non saranno mai stimolati ad apprendere un'idioma straniero, non ne hanno neessità se stanno insieme tra loro) nè a conoscere la nostra (mi scusi) CULTURA. Solo la convivenza con altre persone portatrici di una cultura diversa permette di conoscerla ed apprezzarla. Ma poi non si è sempre detto che per imparare le lingue straniere si deve andare all'estero? Non mandiamo i nostri figli a vivere all'estero in famiglia perchè le apprendano meglio? Le calssi specifiche non aiutano gli stranieri nè gli Italiani.

per me la riforma ci vuole

per me la riforma ci vuole ma solo sugli sprechi

non sono contro l'uscita

non sono contro l'uscita dei bambini stranieri dalla classe per studiare l'italiano, ma nel senso che servono dei laboratori ad hoc, non delle classi speciali. Gli alunni stranieri devono stare in classi miste e uscire solo per alcune ore per frequentare delle lezioni di italiano.

Isolare gli stranieri in

Isolare gli stranieri in classi ghetto e dire così di volerli integrare è una contraddizione in termini. Dobbiamo seguire l'esempio dei portatori di handicap: prima c'erano le classi differenziate poi sono stati inserirti, in piccoli gruppi, nelle classi normali".

Ormai anche le cose più

Ormai anche le cose più ovvie vengono rigirate ad uso e consumo di chi vuole vedere tutto in una sola direzione. Prima il maestro unico alle elementari è stato contestato da chi è vissuto in quella condizione..dimenticando che generazioni e generazioni di alunni ora padri e nonni sono stati educati così. Dobbiamo percio dedurre che tutti quelli che hanno avuto un insegnante unico sono oggi sottoeducati o peggio ignoranti? Dopodichè si è aperta la nuova diatriba su il progetto delle classi diversificate per chi non parla italiano. A partire dal fatto che ditemi come si può insegnare l'italiano a chi parla un dialetto tribale in una classe dove gli studenti stessi( e voi sapete come possono essere crudeli i bambini).deridono e sottolineano la differenza con chi non è come loro. In america prima di dare la cittadinanza a stranieri bisogna seguire un corso di apprendimento della lingua inglese e degli usi e costumi del paese ospitante..e vi assicuro non è affatto semplice...
Io credo che non ci sia niente di male che per coloro che non possono parlare italiano , esistano delle classi di preparazione che rendano la loro integrazione più veloce ed indolore.

mi spiace contraddirla ma mi

mi spiace contraddirla ma mi risulta che che per imparare le lingue straniere si deve andare a vivere all'estero. La necessità di comunicare porta ad imparare prima. Noi mandiamo i nostri figli a vivere e studiare all'estero, in famiglia, perchè le apprendano meglio. Un bambino che entra in contatto con bambibni di lingua diversa è portato ad imparare prima vocaboli e grammatica anche solo per la necessità di giocare. Le classi specifiche non aiutano gli stranieri nè gli Italiani. Una lingua non si impara SI APPRENDE!!

Sono pienamente d'acordo con

Sono pienamente d'acordo con le tue idee

perchè il bergamasco è un

perchè il bergamasco è un dialetto tribale?

Ogni volta che c'e' una

Ogni volta che c'e' una riforma, di qualunque colore sia, si crea un allarme nelle scuole, dilaga la protesta.
Ma protestare contro cosa?
Contro una riforma che finalmente bada all'aspetto meritocratico degli insegnanti e tutela la didattica degli studenti.

secondo me, la riforma della

secondo me, la riforma della scuola che occorre adesso è una riforma che punta più: sulla qualità dell'insegnamento, l'aggiornamento dei professori, maggior utilizzo del pc (ma non per le solite cavolate), attirare maggiormente l'interesse degli studenti e magari ritoccare qualche materia... e basta!!

l'abolizione del maestro

l'abolizione del maestro unico e l'introduzione dei "moduli" ha ormai più di vent'anni, e in questo lasso di tempo gli insegnanti si sono progressivamente specializzati, chi in materie scientifiche, chi in quelle letterarie. Ripristinare di colpo lo schema "un insegnante per classe", provvedimento discutibile di per sé, costringerebbe insegnanti che hanno passato anni ad affinare le proprie tecniche didattiche su una materia ad insegnarle di colpo tutte. Con un possibile abbassamento della qualità della didattica.

Non capisco dove sta la

Non capisco dove sta la ghettizzazione?
Secondo te, un ragazzo italiano che va in classe in germania senza sapere il tedesco, non si autoghettizza da solo?
Cosa faranno i suoi compagni tedeschi, che non sanno l'italiano?
Non gli parleranno, rimmarrà indietro, e alla fine si ritirerà e andrà a lavorare?
Oppure tutti dovrebbero andare piano perchè in classe ci sono italiani che hanno rifiutato di andare a studiare il tedesco per non sentirsi discriminati?
Se avesse avuto una classe dedicata all'apprendimento del tedesco non sarebbe stato tanto + facile il suo percorso?
Ma perchè si vuol vedere a tutti i costi la discriminazione dove non c'è?

mi spiace contraddirla ma le

mi spiace contraddirla ma le classi che lei auspica in Germania non esistono. Il sitema migliore per imparare le lingue straniere è di andare a vivere all'estero. Chi vuole imparare le lingue va vivere e studiare all'estero e, preferibilmente, con sistemazione in famiglia, perchè in questo modo si apprendano meglio. La necessità di comunicare e sopravvivere "aguzza" l'ingegno e si impara prima. Per i bambini è lo stesso. Un bambino che vive fianco a fianco con suoi coetanei di lingua diversa è portato ad imparare prima. La necessità di comunicare, di giocare, di scambiare idee con i compagni aiutano molto di più di centomila noiosissime lezioni di pur ottimi docenti. Le classi specifiche non aiutano. La convivenza, con il supporto dei docenti specialisti, fa miracoli!! Il linguaggio si apprende ed una componente fondamentale è l'affettività, l'amicizia dei compagni. I bambini sono i migliori maestri dei loro compagni. Rifletta!!! non sempre ciò che viene paventato cone la "soluzione" al problema è la reale soluzione.

Le riforme proposte dalla

Le riforme proposte dalla Ministra dell'Istruzione, Università e Ricerca Gelmini creano in alcune persone ingenue simpatie, distogliendo però l'attenzione dall'obbiettivo di fondo di questo Governo di destra: la privatizzazione del sistema statale d'istruzione.

Immagino che da quello che

Immagino che da quello che scrivi tu sia un "compagno", ma se privatizzare la scuola vuol dire migliorare tutto il sistema che in questi ultimi 15 anni è stato PENOSO, allora preferisco privato per tutta la vita, così chi non è in grado di fare il proprio lavoro viene mandato a casa e non a scaldare una cattedra per niente!!!!

sono favorevole al nuovo

sono favorevole al nuovo sistema di voti perchè secondo me aiuta ad una maggiore comprensione nelle valutazioni

Non mi convince la proposta

Non mi convince la proposta del maestro unico

sono una insegnate di scuola

sono una insegnate di scuola media e insegno a rozzano da 22 anni. sono molto demoralizzata dalla lettura dei precedenti commenti perchè leggo acredine, luoghi comuni e affermazioni molto pesanti sul lavoro che svolgo da tanto tempo e con passione. Non difendo ne' accuso la riforma, chiedo solo di leggere attentamente i contenuti della stessa e più giornali di diversa estrazione politica per poter capire le varie posizioni. Da ciò dovrebbe svilupparsi anche la capacità di leggere "tra le righe" ...

qui non si tratta di schierarsi a favore o sfavore delle scelte di un allenatore di calcio (sport tanto amato dagli italiani) ma di capire se sia il caso di investire nella cultura delle nuove generazioni (e questo vale per qualsiasi governo)

qual è il vantaggio di avere a che fare con un popolo di incolti?

attilia garlaschi

P.S: sarebbe bello che i commenti venissero firmati